Storia

All’inizio …..

Febbraio 1999, sfogliando alcune riviste automobilistiche notammo la presenza di molti club dedicati a “quella marca” o a “tal modello” ma mancava totalmente una presenza Peugeot, marchio a cui il sottoscritto è particolarmente legato per due ragioni: la prima è che dall’età della patente impiego vetture Peugeot nelle competizioni, la seconda è che la famiglia di mia moglie è titolare di concessionarie Peugeot dal 1966, quindi una provata fedeltà nei confronti della Casa del Leone.

Insieme a mio fratello Christian e al nostro amico Gaetano decidemmo allora di iniziare l’avventura RSC (Rallye Sport Club) all’interno dellaScuderia Junior Jolly Racing per la quale abbiamo sempre corso. Inizialmente abbiamo propagandato la nostra intenzione ai Peugeottisti della zona ogni qual’volta ne capitava l’occasione, così il 28 maggio 1999 esordimmo al Passo della Forcora (Va) con il nostro primo raduno, coinvolgendo 18 autovetture ed altrettanti entusiasti proprietari.

La replica non si fece aspettare tanto che a settembre fu poi la volta del nostro primo Autokit show ad Imola, manifestazione italiana di vero interesse per il popolo “tuning”. Ci presentammo con ben 30 vetture ed un camper come appoggio logistico. Seguirono poi, durante l’anno, altre manifestazioni statiche che tennero impegnato il club ma all’orizzonte si prospettavano nuove proposte e iniziative.

Pensate: una vasta zona industriale di Gallarate si presentava come un naturale circuito automobilistico cittadino tant’è che nel febbraio 2000la Rallye Sport Club diventa, con tanto di atto notarile, un’associazione sportiva non a scopo di lucro (onlus) finalizzata all’organizzazione e gestione di attività legate allo sport ed al mondo automobilistico creando, con supporto di validi promoter, il Formula Rallye a gallarate: prima manifestazione di auto da competizione con presenza di pubblico, direzione gare, sicurezza, ristorazione, parco chiuso per le auto da corsa, ufficio stampa e tanto altro ancora!

Mentre il settore corse prende sempre piu interesse fra pubblico e partecipanti piloti, all’interno del Rallye Sport Club si sviluppa il settore “tuning” rivolto hai possessori di auto che condividono la voglia di “tunizzare” le proprie auto con accessori racing, quindi la possibilità di vedere iscritte una vasta gamma di modelli Peugeot tanto che uno dei soci più attivi, il vulcanico Ivan Buganè di Rioveggio (Bo), si è assunto il compito di coordinatore del Club per ciò che riguarda il popolo “centoseista” creando un’ apposita sezione dedicata alla Peugeot 106.

Nasce cosi la filiale “Special 106” a Rioveggio (Bo) con tanto di logo e sito web, al punto che, per i nuovi contatti esterni, il vero punto di riferimento diventa il nostro Ivan.

I nuovi soci sono stati in costante aumento, tanto che abbiamo raggiunto circa 120 presenze!

Intanto siamo giunti al 24 marzo 2002 dove, in quel di Rioveggio, Ivan organizza e conduce il suo primo raduno con risultati eccellenti (ben 44 autovetture presenti) cosicché durante il recente raduno al Passo Forcora del 7 Luglio, durante la premiazione dei Soci, è stato ufficializzato l’incarico dinnanzi ai presenti.

Ora il Rallye Sport Club è cosi strutturato: RSC si occupa della gestione dell’intera associazione organizzativa curando in modo diretto le gare CSAI e la parte sportiva (a partire dal 2003 riotterremo la licenza di Scuderia sinora intestata alla Junior Jolly) mentre lo Special 106 continuerà nello sviluppo del settore tuning con l’obbiettivo di incentivare tutti i possessori di auto Peugeot ad iscriversi e diventare soci ufficiali, dando loro la possibilità di usufruire di interessanti sconti su ricambi e accessori tuning e di potersi informare su particolari iniziative sportive RSC (corsi di avviamento rally, corsi di regolarità, etc.) che spesso i ragazzi chiedono non sapendo a chi rivolgersi.

INTERNET

Ormai, come per tutte le Associazioni serie, Internet è una necessità e una realtà, perché oltre ad un discorso di immagine è il principale mezzo di informazione ed aggregazione del popolo del Tuning, con un inesauribile serbatoio di informazioni.

Attualmente il sito ufficiale del Club risponde a www.rallyesportclub.it
Qui troverete tutto quello che vi interessa: dal calendario gare ai raduni, dalle info su sconti e organizzazioni sportive, ai vari momenti di vita del club…

Il Rallye Sport Club però continua ad ingrandirsi… così i webmaster hanno ben pensato di fondare una CHAT (grazie a zOVERT & Virtual) dove poter chiacchierare tranquillamente ed inoltre è stato creato un FORUM di discussione (grazie a jucx & zOVERt) dedicato a tutti gli amanti delle leoncine di casa Peugeot!

Per qualsiasi informazione o delucidazione in merito non esitate a contattarcii sui nostri indirizzi di posta elettronica!

COSTITUZIONE

Com’ è costituito giuridicamente un’associazione tipo la Rallye Sport Club?

Innanzitutto bisogna, una volte definiti i soci fondatori, individuare gli obiettivi da finalizzare, ossia capire come andrà costituito lo statuto sociale.

Una volta definito il tutto ci si reca da un notaio per notificare ufficialmente la costituzione dell’ associazione. Il tutto per una spesa di circa € 900,00.

A questo punto l’associazione viene riconosciuta “non a scopo di lucro” e permette l’apertura della Partita Iva.

La Partita Iva consente di effettuare movimenti fiscali e quindi di subire ed emettere fatture regolari come una normale azienda. Ciò permette la creazione di un fondo sociale che serve all’acquisto dei gadgets sociali (magliette, cappellini, targhette in alluminio di identificazione, adesivi, ecc), a far fronte a spese di comune interesse (es. il noleggio di un camper di rappresentanza) o l’acquisto di strumenti utili (es. computer, videocamere, fotocellule di rilevamento tempi, ecc).

E’ chiaro che per fare ciò ogni socio deve versare una quota sociale annuale che è di fondamentale importanza per la sopravvivenza del Club stesso.

CONCLUSIONE

Dopo tre anni di gioie e dolori…..:-) posso affermare che fondare e gestire un Club, specialmente come capita a me, nel tempo libero dagli impegni professionali, è veramente un casino e talvolta ti viene voglia di dire “ma chi me lo fa fare”, poi però guardi i ragazzi che ti stanno attorno e che credono in quello che si sta facendo… allora li tutto è più bello….

Un esperienza da provare.

Con simpatia
Rallye Sport Club
Nicola Ferrari e staff

Scroll Up